• molinosoprano

Lo scorso 27 novembre un incendio ha distrutto il Molino Soprano di Chiaramonte Gulfi. Il piccolo mulino si è affermato in questi anno grazie alla scelta di produrre farine dai grani antichi siciliani. Un duro colpo per una struttura che era ancora in legno, tradizionale, immersa nel cuore del territorio ibleo dal 1822.
Grazie alla famiglia Di Stefano, negli ultimi vent’anni è stato restituito valore storico ed umano ad un’attività e delle conoscenze che sostanzialmente erano andate perdute e con esse lo stile di vita, di nutrirsi sani grazie al piacere di sapori autentici, non artificiali o chimici.
I proprietari, hanno deciso di lanciare una sottoscrizione tramite la loro pagina facebook. Si legge, infatti: “Noi tutti vogliamo che rinasca dalle ceneri nel più breve tempo possibile e pertanto chiediamo, a tutti coloro che si riconoscono nei valori del Molino Soprano, una partecipazione di sostegno morale e materiale concreto. Non chiediamo una formale beneficenza disinteressata, bensì una motivata solidarietà attiva da parte di tutti coloro che riconoscono il valore e la forza delle scelte in favore della nostra terra, della nostra salute e del nostro cibo sacro, libero ed autentico”.
All’appello non sono rimasti indifferenti gli chef che condividono i valori del Molino Soprano.
Vincenzo Candiano, Peppe Cannistrà, Pino Cuttaia, Carmelo Floridia, Sandro Pace, Claudio Ruta, Ciccio Sultano e Giovanni Santoro hanno organizzato, insieme a Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria, un evento di solidarietà il prossimo 17 febbraio alle ore 20,30 presso Locanda Gulfi. L’obiettivo è accendere i riflettori per salvare una realtà di altissimo pregio che si è contraddistinta nella ricerca e produzione di grani antichi quale Molino Soprano, distrutto da un incendio. Gli otto chef e Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria si sono stretti attorno a Molino Soprano per contribuire a gettare le basi per un progetto di rinascita, in vista di progetti futuri insieme, nell’ottica di continuare a valorizzare il territorio, attraverso i suoi più validi produttori. Un primo inizio è la cena, che sarà allietata dal concerto dei Talè i cui introiti serviranno all’acquisto di un’altra macina da affiancare a quella da poco già installata.
Per questi motivi Le Soste di Ulisse hanno deciso di aderire ufficialmente all’evento del prossimo 17 febbraio e si impegnano a sostenere ogni ulteriore iniziativa per ripristinare al più presto un presidio di eccellenza della tradizione siciliana.

Nuovo Molino Soprano
17 febbraio ore 20,30
Locanda Gulfi
Per info e prenotazioni
 tel. 0932 928081 locandagulfi@gulfi.it
La serata ha un costo di 60,00 € a persona.
Pagamento tramite bonifico sul conto corrente intestato a Francesco Distefano titolare di Molino Soprano.
IBAN IT24D0503684440CC0071091039