L'associazione Le Soste di Ulisse

PRESIDENZA

Il 23 novembre 2015 il consiglio direttivo ha eletto Presidente lo chef 2 stelle Michelin Ciccio Sultano e conferito i nuovi incarichi all’Ufficio di Presidenza.

PRESIDENTE
CICCIO SULTANO

Esistono molte cose nella vita che catturano lo sguardo, ma solo poche catturano il tuo cuore: segui quelle” (Winston Churchill). Ho raccolto questa esortazione al punto da farla mia, scegliendo di seguire l’inttriho che una professione può dare. Essere interprete di un territorio, seguire pedissequamente il rigore che uno chef deve incarnare, dare un senso alla filosofia del gusto e del rispetto delle materie prime… per me, tutto questo, vuol dire essere un testimone privilegiato ed un interprete del monto che le Soste di Ulisse ogni giorni rappresenta nel percorso corale e condiviso di noi “uomini di cucina”.

VICE PRESIDENTE
PINO CUTTAIA

La Sicilia è una regione dove storia, società e ambienti naturali si fondono. In particolare il cibo è uno degli elementi culturali che hanno aiutato a preservare l’unicità dell’Isola. Influenze culturali provenienti da varie parti del mondo si sono combinate nel tempo, creando una varietà di tradizioni culinarie che non ha eguali, frutto di duemila anni di storia e contaminazioni.
Le Soste di Ulisse propongono un viaggio per scoprire la Sicilia più autentica in tutti i suoi aspetti più affascinanti.

VICE PRESIDENTE VICARIO
LUCIANO PENNISI

Siamo sempre vicini ai nostri associati per promuovere la Sicilia e i nostri territori nella vera essenza che rappresentano e che noi cerchiamo di rappresentare al meglio in Italia e non solo.

PRESIDENTE EMERITO
NINO GRAZIANO

Ho sempre creduto in questa bella iniziativa che riunisce il meglio dell’enogastronomia e ospitalità siciliana, in special modo oggi che sono in Russia. Pertanto essere ambasciatore delle Soste di Ulisse mi inorgoglisce e incredibilmente mi lega in modo ancora più forte alla mia splendida Sicilia.

TESORIERE
MAURO MALANDRINO

Ciascuno di noi all’interno di questa esperienza è cresciuto a dismisura. Perché ognuno di noi ha creduto che l’unità di intenti potesse essere il motore primario per crescere. Ancora tanta è la strada che dobbiamo compiere per essere fedeli alla promessa che ciascuno di noi e tutti insieme abbiamo fatto al nostro caro amico Enrico Briguglio.